Dal 17 Marzo 2014 con la pubblicazione sul BOE (Boletin Oficial del Estado) della convocazione della prova  abilitativa statale è in vigore definitivamente la nuova normativa della Ley 34/2006  per l’accesso alla professione di Avvocato in Spagna che impone la frequenza obbligatoria delMaster en Abogacía” per tutti senza alcuna eccezione  (spagnoli e comunitari, licenciados e graduados) e senza il quale non si può essere iscritti a nessun Colegio de Abogados (infatti nessun Ordine iscrive più con la semplice “omologazione” e diffidate immediatamente da chi sostiene il contrario magari proponendo ordini segreti o località esotiche).

In questo rinnovato contesto normativo e dopo più di 5 anni di consulenza al vertice assoluto tra le agenzie, Titolispagna in qualità di unico soggetto composto esclusivamente da Abogados abilitati sia in Spagna che in Italia e che esercitano regolarmente è lieta di proporvi il nuovo percorso esclusivo in collaborazione con “UNIR – l’università in internet” che in base alle nuove disposizioni normative della Ley 34/2006 (e successive modificazioni) si compone come segue :

-   Procedura di omologazione del titolo di laurea italiano ed adempimenti connessi  (presso il Ministerio de Educación),

-   Frequenza del “Master en Abogacía” (livello B1 di spagnolo pre-certificato, modalità totalmente on-line, pratica forense in Italia),

-    Sostenimento in Spagna dell’esame di abilitazione  esclusivamente a TEST,

-   Iscrizione in Spagna presso un “Colegio de Abogados” rigorosamente in modalità “esercente” (l’unica valida per lo stabilimento in altro stato UE) e conseguente iscrizione in Italia come “Avvocato stabilito” ai sensi del Dlgs 96/2001.

… CONTATTACI SUBITO !!

Appare lampante ancora una volta come il rinnovato percorso spagnolo, non solo abbia guadagnato in professionalità e spendibilità del titolo abilitante a livello internazionale, ma rimanga anche nella nuova veste molto più agevole e meritocratico di quello italiano e dei suoi problemi endemici (aleatorietà, incertezza delle tempistiche, etc) che ne hanno fatto un autentico mattatoio nell’ultima decade.

Oramai superfluo anche ribadire l’assoluta validità del percorso spagnolo come ribadito dalla massima Giurisprudenza italiana e comunitaria  (KOLLER e TORRESI 2010-2014 della Corte di Giustizia Ue e Cassazione a Sez. Unite n.28340/2011)  che hanno imposto il definitivo obbligo per gli Ordini italiani di iscrivere gli “Abogados”, senza sollevare filtri o eccezioni di sorta (e salve tutte le conseguenze a loro carico), ribadendo quindi l’automaticità del diritto di stabilimento previsto dal Trattato UE con comprensibile dolore di chi è rimasto culturalmente e professionalmente ancora nel millennio passato…..

… CONTATTACI SUBITO !!

Da ultimo la riforma dell’accesso alla professione forense in Italia è ormai imminente e si profila letteralmente devastante : uso di codici rigorosamente non commentati agli scritti, ulteriori materie da portare all’orale e percentuali di superamento inesorabilmente sempre più basse……si salvi chi può insomma…..la Spagna si configura davvero come l’ultima spiaggia per un’intera generazione di giuristi traditi dal proprio Paese e dal sistema in generale : per gli interessati e i timorosi sarebbe bene affrettarsi ed affidarsi senza ulteriori esitazioni e perdite di tempo agli unici veri esperti della “via spagnola” …………a Titolispagna !!

… CONTATTACI SUBITO !!